Arpa di Luce con Gianpietro Grossi

 

This slideshow requires JavaScript.

cropped-IMG_4873_2.jpg
Arpa di Luce: inventore Ing. Gianpietro Grossi, sviluppo musicale e multisensoriale Pietro Pirelli, assistenza software Davide Tiso e Antonello Raggi, AGON

UNA GRANDE ARPA DI LUCE LASER

Le  mie dita incrociano 11  corde di luce laser. Non incontrando materia solida, le attraversano libere nell’aria. La luce, toccata, si materializza nel suono di un’arpa. Ogni contatto è uno schiocco di luce e con le braccia protese verso il cielo imparo a muovermi nell’aria, sino a divenire un virtuoso del vuoto.  Lancio un pendolo sospeso da un punto invisibile che ambisce le corde laser, suonando una melodia infinita, che si riverbera  in forma di luce proiettando  cerchi ondulatori. Spengo il suono dell’arpa e, nel silenzio, la musica pare continuare di sola visione. Le corde di luce si tendono attraverso lo spazio architettonico, trasformato in un grande strumento musicale.

Alcune realizzazioni: Luminale Frankfurt 2010, Biennale di Venezia 2011, Nazareth 2102, Ponte del Diavolo (Modena) 2013, Piazza Duomo di Monza 2013, Piccolo Teatro Studio 2013 e Teatro Dal Verme 2015, Milano, Digitalife Roma Europa 2014 ,Trepponti di Comacchio/Ravenna Festival 2015, Tempio di Kamakura e Metropolitan Tokyo 2016 (Japan Orfeo).

Suonare nel vuoto

IMG_8091small
L’arpa di luce inventata da Gianpietro Grossi è l’arpa laser più veloce del mondo. 11 raggi  paralleli di luce laser raggiungono altrettante fotocellule poste fino ad una distanza di 30 metri, dimensione che attualmente può avere l’arpa.  La risposta dei sensori è immediata e precisa. L’impulso generato dall’interruzione dei raggi, viene elaborato dal software dedicato consentendo di restituire al suono la complessità e la sensibilità del gesto del musicista. La forma delle dita o di oggetti che attraversano le corde di luce determina il timbro e il ritmo degli eventi sonori prodotti.

Se toccando la luce si produce un suono, la luce ha un corpo? L’incanto di questo gioco sospeso tra materiale e immateriale mi ha spinto ad esplorare una nuova dimensione poetica, al di là dello stupore tecnologico che suscita questo vero e proprio strumento musicale. 

Entrano in scena oggetti concreti, che hanno una loro voce e anche  possono riflettere la luce.  Assicuro al pendolo un grande cimbalo che, percosso e lanciato, genera una scia di suono attorno ai raggi luce. Un tubo flessibile  ruota fischiando e il suo sibilo si amplifica quando il tubo si illumina traversando le corde laser. Scende il lungo pendolo che con un plettro arpeggia simultaneamente  lampi di luce e di suono.  Naviga fendendo le corde le cui linee si  deviano in forme rotanti di luce, che si materializzano in cerchi tra le pareti dello spazio.

Accendo due incensi fissati al plettro, così una scia di fumo segnerà sulle corde la traiettoria del pendolo. Un’asta trasparente si illumina tutta a contatto con ogni singolo raggio. La uso come un’archetto per suonare l’Epitaffio di Sichilo. Ho accordato lo strumento su questa melodia giuntaci in notazione musicale dell’antica Grecia. Poi mi spingo verso l’alto intercettando simultaneamente tutti i raggi. Essi si deviano a comporre un cluster di suono e di luce che si materializza in un rigo musicale.

Lo spazio che ospita l’installazione  è a cielo aperto, sotto la pioggia, oppure in grandi spazi interni, giù da una torre, nell’arco di un ponte. Con Gianpietro Grossi cerco un punto per  calare il pendolo: talvolta creiamo una sottile ragnatela di cavi da cui la corda scende invisibile come una mano che suona dal cielo. Più in alto sarà, più lento risulterà il respiro della sua melodia infinita.  Il filo a piombo fissa il fulcro dell’istallazione che ne farà risuonare il contenitore.[:en]

Arpa di Luce: inventore Ing. Gianpietro Grossi, sviluppo musicale e multisensoriale Pietro Pirelli, assistenza software Davide Tiso e Antonello Raggi, AGON
Arpa di Luce: inventore Ing. Gianpietro Grossi, sviluppo musicale e multisensoriale Pietro Pirelli, assistenza software Davide Tiso e Antonello Raggi, AGON

Le  mie dita incrociano 11  corde di luce laser. Non incontrando materia solida, le attraversano libere nell’aria. La luce, toccata, si materializza nel suono di un’arpa. Ogni contatto è uno schiocco di luce e con le braccia protese verso il cielo imparo a muovermi nell’aria, sino a divenire un virtuoso del vuoto.  Lancio un pendolo sospeso da un punto invisibile che ambisce le corde laser, suonando una melodia infinita, che si riverbera  in forma di luce proiettando  cerchi ondulatori. Spengo il suono dell’arpa e, nel silenzio, la musica pare continuare di sola visione. Le corde di luce si tendono attraverso lo spazio architettonico, trasformato in un grande strumento musicale.

Alcune realizzazioni: Luminale Frankfurt 2010, Biennale di Venezia 2011, Nazareth 2102, Ponte del Diavolo (Modena) 2013, Piazza Duomo di Monza 2013, Piccolo Teatro Studio 2013 e Teatro Dal Verme 2015, Milano, Digitalife Roma Europa 2014 ,Trepponti di Comacchio/Ravenna Festival 2015, Tempio di Kamakura e Metropolitan Tokyo 2016 (Japan Orfeo).

IMG_8091small

read more…

[:]