Il Teatro Nuovo di Udine compie 20 anni… e festeggia con Arpa di Luce

Porte aperte nel week end di sabato 14 a domenica 15 ottobre al Teatro Nuovo Giovanni da Udine; situato in via Trento, a Udine il grande edificio moderno inaugurato nel 1997 compie vent’anni. Escludendo solo un pugno d’ore nel cuore della notte, il Giovanni da Udine sarà accessibile a tutti con una sequenza fittissima di eventi: performance, mostre, visite guidate speciali, laboratori, conferenze, incontri, party e dj set.

Nelle immagini qui sopra e sotto il titolo alcuni momenti della recente performance artistica al JRC di Ispra (ph. Marco Valenti)

All’interno di questi vivaci festeggiamenti sono previsti i suggestivi giochi di laser, con l’installazione di Arpa di Luce, a cura di Gianpietro Grossi e Pietro Pirelli, ospitata davanti all’ingresso principale del teatro. I festeggiamenti inizieranno sabato 14 ottobre alle ore 17.00 nel foyer. Quasi tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero. Considerata la capienza limitata degli spazi adibiti, è però consigliata la prenotazione – teatro20@teatroudine.it

Laser Wave Pendulum a Cremona

Sabato sera 10 giugno a Cremona, nell’ambito del Festival Tec-Night,
le 11 corde dell’arpa di luce saranno tese fra gli archi della Loggia dei Militi, ai piedi della statua dei Due Ercoli.
I raggi di luce suoneranno azionati da un grande wave pendulum appositamente creato per l’occasione e costituito da 11 pendoli allineati che una volta azionati, disegnano una figura a serpentina che arpeggia fra le corde di luce.
Laser Wave Pendulum ha debuttato al Piccolo Teatro di Milano, con Alan Turing, a stage case history, è stato anche installato nell’ambito del Festival DigitaLife, Roma Europa, e ha inaugurato il Ravenna Festival sui Ponti di Comacchio.
Aziono simultaneamente una linea di pendoli di lunghezza a scalare e ottengo un divenire di relazioni oscillatorie che non smette mai di incantarmi. E’ una musica silenziosa che vaga dall’ordine prevedibile di un moto a serpentina ad una complessa combinatoria, quasi caos, per tornare per pochi istanti a figure nuovamente comprensibili. 
Voglio vedere ciascun pendolo come un individuo parte di un flusso corale. In questo tunnel ci si può avventurare. Purché si sappia quando entrare…
Maggiori informazioni sull’evento di Cremona:

Suonare il suono a Vicenza e Milano

“Suonare il Suono” è un progetto nato per per ricordare, a un anno dalla scomparsa, uno scultore tra i più notevoli del secondo novecento, il cui lavoro artistico ha avuto proprio nel suono e nella musica una componente essenziale. Le pietre di Sciola vanno alla radice del suono, dell’immagine e ci fanno scoprire la musicalità della pietra, non solo percossa, ma anche accarezzata, sfiorata, suonata con le mani o l’archetto e, a seconda delle qualità e delle dimensioni dei materiali scelti dall’autore, produttrice di suoni di natura diversa.

Dopo l’esordio al teatro civico di Narni, di cui è possibile gustare un assaggio in questo video, si profilano due nuovi interessanti appuntamenti  assieme a Enrico Intra e Gavino Murgia.

  • venerdì 19 maggio alle 23:30 al Cimitero Maggiore di Vicenza, evento speciale del festival Vicenza Jazz, le pietre sonanti di Sciola verranno portate nella suggestiva cornice notturna del cimitero berico per essere affidate alle mani di Pietro Pirelli, che da anni ne esplora le magiche proprietà acustiche. Al suo fianco, Enrico Intra e Gavino Murgia costruiranno le loro improvvisazioni attorno al sound delle pietre.
  • giovedì 25 maggio 2017 alle 21:00 nell’Aula Magna dell’Università Bocconi, in Via Gobbi 5 a Milano la performance si aprirà con la proiezione del film “Born of Stone” di Emilio Bellu; premiato come “miglior corto documentario” al Berlin Short Film Festival del 2016, Born of Stone è stato proiettato in prima assoluta a Cagliari nel marzo 2016, quindi al Tavolara Film Festival, al Raindance Film Festival di Londra e avrà a breve una prima americana all’Hot Spring Festival, in Arkansas.

Museo del Novecento

Il 4 aprile, alle ore 17.30, nella sala conferenze del Museo del Novecento a Milano, via Marconi 1, in occasione della presentazione del libro “Light Art in Italy – Temporary Installations 2015-2016” a cura di Gisella Gellini, ci sarò a presentare la mia opera “Idrodendro/Fonodendro”, una grande installazione di Idrofoni che ho realizzato per DigitaLife 2015, invitato per il secondo anno consecutivo da RomaEuropa al Macro Testaccio, dopo il successo di “Arpa di Luce”.

This slideshow requires JavaScript.

Con la collaborazione dell’architetto musicista Lorenzo Serafin, ho realizzato questa grande installazione interattiva di Idrofoni: un albero alto 10 metri che risuona con la vibrazione generata dalla metamorfosi di una grande sega circolare. Le riverberazioni di luce generate dalla ruota dentata/gong si sono manifestate in nuvole di suono, sospese sui rami  dell’Idrodendro. L’installazione è rimasta attiva per oltre un mese.

Il libro Light Art in Italy, edito da Maggioli, nelle edizioni precedenti ha pubblicato Arpa di Luce e altre mie installazioni di luce e suono.

http://luceweb.eu/it/libro-gisella-gellini/

La polifonia visiva degli idrofoni in mostra a Legnago (VR)

[:it]

Le complesse installazioni di Pirelli (“Idrofoni”) sono continue interpretazioni dei luoghi che le ospitano. Esse ci mettono di fronte ad una sorta di “polifonia visiva”, dove vari impulsi sonori si riverberano nell’ambiente sotto forma di proiezioni di onde luminose. Ed è come se il suono si spazializzasse o, meglio, come se ogni dato concreto si trasformasse in dato astratto e astrale. (Luigi Meneghelli)

This slideshow requires JavaScript.

Ospitati da Ferrarin Arte a Legnago (Verona) in una collettiva dal titolo “Interrogare lo spazio” gli idrofoni di Pietro Pirelli si confrontano nuovamente con la scatola bianca, la magica vetrina di una galleria d’arte. Chiamati a trasformare lo spazio che li ospita in un generatore di vita, a esplorarne i confini comportamentali, psicologici e memoriali, a esprimere il non detto e il non conosciuto, alla ricerca di uno spazio “altro”, dove lo stesso termine di “confine” non allude “a ciò in cui qualcosa termina e finisce, bensì a ciò a partire da cui qualcosa comincia” (Heidegger).

screenshot-2016-10-13-21-46-52 screenshot-2016-10-13-21-46-23

Interrogare lo spazio / Artisti: Carlo Bernardini, Emanuela Fiorelli, Paolo Masi, Alex Pinna, Pietro Pirelli, Paolo Scirpa / a cura di Luigi Meneghelli / Sede espositiva: FerrarinArte, Via De Massari 10, Legnago (Verona) / Inaugurazione: sabato 29 ottobre, ore 17.30 / Periodo: 29 ottobre – 7 gennaio 2017 / Orario: lun-sab 9.00-12.30 / 15.30-19.30

ingresso libero

Scarica qui il pieghevole della mostra

http://www.ferrarinarte.it/[:en]

Le complesse installazioni di Pirelli (“Idrofoni”) sono continue interpretazioni dei luoghi che le ospitano. Esse ci mettono di fronte ad una sorta di “polifonia visiva”, dove vari impulsi sonori si riverberano nell’ambiente sotto forma di proiezioni di onde luminose. Ed è come se il suono si spazializzasse o, meglio, come se ogni dato concreto si trasformasse in dato astratto e astrale. (Luigi Meneghelli)

This slideshow requires JavaScript.

Ospitati da Ferrarin Arte a Legnago (Verona) in una collettiva dal titolo “Interrogare lo spazio” gli idrofoni di Pietro Pirelli si confrontano nuovamente con la scatola bianca, la magica vetrina di una galleria d’arte. Chiamati a trasformare lo spazio che li ospita in un generatore di vita, a esplorarne i confini comportamentali, psicologici e memoriali, a esprimere il non detto e il non conosciuto, alla ricerca di uno spazio “altro”, dove lo stesso termine di “confine” non allude “a ciò in cui qualcosa termina e finisce, bensì a ciò a partire da cui qualcosa comincia” (Heidegger).

screenshot-2016-10-13-21-46-52screenshot-2016-10-13-21-46-23

Interrogare lo spazio / Artisti: Carlo Bernardini, Emanuela Fiorelli, Paolo Masi, Alex Pinna, Pietro Pirelli, Paolo Scirpa / a cura di Luigi Meneghelli / Sede espositiva: FerrarinArte, Via De Massari 10, Legnago (Verona) / Inaugurazione: sabato 29 ottobre, ore 17.30 / Periodo: 29 ottobre – 7 gennaio 2017 / Orario: lun-sab 9.00-12.30 / 15.30-19.30

ingresso libero

Scarica qui il pieghevole della mostra

http://www.ferrarinarte.it/[:]

Un’arpa laser nel tempio dei samurai

[:it]

14089312_289116594802207_8418011633617435138_n

Le prime esecuzioni di Japan Orfeo si sono svolte con successo il 7 e l’8 ottobre nel cortile del tempio di Tsurugaoka Hachimangu, luogo “simbolo” della cultura dei samurai nonché punto centrale dell’antica capitale del Giappone nella città odierna di Kamakura. Il sito è di altissimo prestigio storico artistico e spirituale, e l’evento Japan Orfeo in questa cornice ha toccato le corde più profonde della sensibilità giapponese verso le proprie radici culturali. L’evento sta ricevendo attenzione e interesse al livello nazionale e internazionale anche per l’unicità di questo luogo straordinario.Il 12 e 13 ottobre, Japan Orfeo è andato in scena alla Metropolitan Concert Hall di Tokio, luogo tra i più importanti della vita teatrale giapponese e sede di prestigiose rappresentazioni internazionali di concerti, opera e di balletto.

E’ prevista quindi nel 2017 una tournée italiana in occasione dell’anniversario del 450 anni della nascita di Claudio Monteverdi. Lo spettacolo, concepito sia per esecuzioni all’aperto che al chiuso, è ideale per esaltare cornici naturali del nostro immenso patrimonio archeologico, storico e turistico.

unnamedLa regia ideata e curata da Stefano Vizioli e Aaron Carpenè vede in scena i costumi prodotti dalla Maison Missoni e l’Arpa di Luce di Pietro Pirelli e Gianpietro Grossi in un dialogo aperto tra tradizione e modernità.

Qui il link al sito ufficiale http://japanorfeo.com/en/

A questo link due video pubblicati su Il Sole 24 Ore

 

 

[:en]

14089312_289116594802207_8418011633617435138_n
Le prime esecuzioni di Japan Orfeo si sono svolte con successo il 7 e l’8 ottobre nel cortile del tempio di Tsurugaoka Hachimangu, luogo “simbolo” della cultura dei samurai nonché punto centrale dell’antica capitale del Giappone nella città odierna di Kamakura. Il sito è di altissimo prestigio storico artistico e spirituale, e l’evento Japan Orfeo in questa cornice ha toccato le corde più profonde della sensibilità giapponese verso le proprie radici culturali. L’evento sta ricevendo attenzione e interesse al livello nazionale e internazionale anche per l’unicità di questo luogo straordinario.

Dal 12 ottobre, Japan Orfeo è alla Metropolitan Concert Hall di Tokio, luogo tra i più importanti della vita teatrale giapponese e sede di prestigiose rappresentazioni internazionali di concerti, opera e di balletto.

E’ prevista quindi nel 2017 una tournée italiana in occasione dell’anniversario del 450 anni della nascita di Claudio Monteverdi. Lo spettacolo, concepito sia per esecuzioni all’aperto che al chiuso, è ideale per esaltare cornici naturali del nostro immenso patrimonio archeologico, storico e turistico.

unnamedLa regia ideata e curata da Stefano Vizioli e Aaron Carpenè vede in scena i costumi prodotti dalla Maison Missoni e l’Arpa di Luce di Pietro Pirelli e Gianpietro Grossi in un dialogo aperto tra tradizione e modernità.

Qui il link al sito ufficiale http://japanorfeo.com/en/

A questo link due video pubblicati su Il Sole 24 Ore

[:]

“Japan Orfeo”, l’evento musicale che unisce Italia e Giappone

[:it]All’incontro e alla condivisione di linguaggi affatto diversi farà parte l’invenzione del compositore e artista del suono Piero Pirelli, “l’Arpa di luce” che ha trionfato alla Biennale di Venezia e al Macro di Roma, la compagnia di teatro NÔ HOSHO Foundation che ha accolto straordinario consenso all’EXPO 2016, la compagnia di Nihon Buyo del ballerino e coreografo Fujima Kanjuro VIII, e artisti di musica Gagaku.[:]

[:it]Jap_Monteverdi_(c.1630) copyDue anniversari importanti: nel 2016 il 150esimo anniversario della firma del primo Trattato d’Amicizia e di Commercio tra Italia e Giappone, nel 2017 i 450 anni dalla nascita di Claudio Monteverdi. Grazie all’idea di un musicologo e direttore d’orchestra di origini australiane, Aaron Carpenè, e di un regista italiano, Stefano Vizioli, con il supporto della Classical Music and Arts Society di Tokyo e del centro di produzione musicale AGON nonché della Fondazione Italia Giappone e degli Istituti di Cultura dei due Paesi, le due ricorrenze verranno celebrate insieme con la produzione di un’opera vicina alla cultura dei due popoli.

I melomani romani si ricorderanno che, nel 2005, i sessanta anni dell’istituzione dello Stato di Israele vennero celebrati con la commissione di un’opera da parte del Governo di Tel Aviv “Viaggio alla fine del millennio”, Joseph Bardanashvili su libretto di Abraham B. Yehoshua. Nel maggio 2008, l’opera ebbe grande successo al Teatro dell’Opera di Roma. Allora la stampa elogiò i Paesi che celebrano con la musica le loro ricorrenze nazionali. Mentre, però, “Viaggio alla fine del millennio” rifletteva strettamente la cultura di Israele, Japan Orfeo (è questo il titolo dell’iniziativa), esalta i punti di contatto tra la cultura italiana e quella giapponese.

Il lavoro è basato sulla Favola in Musica “Orfeo” di Claudio Monteverdi, ma anche sul mito nipponico di Izanagi e Izanami riportato nel libro dei miti giapponesi Kojiki. Quindi, la “Favola in Musica” di Claudio Monteverdi, viene integrata con il teatro in musica del Sol Levante . Include un nuovo finale “tragico” creato apposta per Japan Orfeo. Il barocco italiano viene coniugato con forze artistiche giapponesi in una nuova rilettura dell’Orfeo di Monteverdi, capolavoro dell’arte italiana, considerato il primo esempio operistico della storia della musica La casa di moda Missoni, nella figura di Luca e Angela Missoni, ha accettato di collaborare alla realizzazione dei costumi di Japan Orfeo.

L’eccellenza della Maison Missoni costituisce un elemento di forza nel progetto: la moda, oggi strumento pop e insieme culturale di aggregazione collettiva, può davvero contribuire in modo serio e costruttivo all’Opera e alla sua diffusione, un mondo illustre e di grande cultura, e farsi veicolo insieme culturale artistico e sociale per esaltare un genere che appartiene fortemente all’identità culturale dell’Italia. Ossia dell’esportar cantando’ di cui abbiamo parlato più volte su questa testata.
IMG_0408All’incontro e alla condivisione di linguaggi affatto diversi farà parte l’invenzione del compositore e artista del suono Piero Pirelli, “l’Arpa di luce” che ha trionfato alla Biennale di Venezia e al Macro di Roma, la compagnia di teatro NÔ HOSHO Foundation che ha accolto straordinario consenso all’EXPO 2016, la compagnia di Nihon Buyo del ballerino e coreografo Fujima Kanjuro VIII, e artisti di musica Gagaku. Un elemento di forte impatto emotivo e artistico è costituito dalla presenza di danzatori di “pizzica salentina”, una delle espressioni coreografiche più autentiche della cultura popolare italiana.

fonte: http://www.ilsussidiario.net[:en]Jap_Monteverdi_(c.1630) copyDue anniversari importanti: nel 2016 il 150esimo anniversario della firma del primo Trattato d’Amicizia e di Commercio tra Italia e Giappone, nel 2017 i 450 anni dalla nascita di Claudio Monteverdi. Grazie all’idea di un musicologo e direttore d’orchestra italiano, Aaron Carpenè, e di un regista italiano, Stefano Vizioli, con il supporto della Classical Music and Arts Society di Tokyo e del centro di produzione musicale AGON nonché della Fondazione Italia Giappone e degli Istituti di Cultura dei due Paesi, le due ricorrenze verranno celebrate insieme con la produzione di un’opera vicina alla cultura dei due popoli.

I melomani romani si ricorderanno che, nel 2005, i sessanta anni dell’istituzione dello Stato di Israele vennero celebrati con la commissione di un’opera da parte del Governo di Tel Aviv “Viaggio alla fine del millennio”, Joseph Bardanashvili su libretto di Abraham B. Yehoshua. Nel maggio 2008, l’opera ebbe grande successo al Teatro dell’Opera di Roma. Allora la stampa elogiò i Paesi che celebrano con la musica le loro ricorrenze nazionali. Mentre, però, “Viaggio alla fine del millennio” rifletteva strettamente la cultura di Israele, Japan Orfeo (è questo il titolo dell’iniziativa), esalta i punti di contatto tra la cultura italiana e quella giapponese.

Il lavoro è basato sulla Favola in Musica “Orfeo” di Claudio Monteverdi, ma anche sul mito nipponico di Izanagi e Izanami riportato nel libro dei miti giapponesi Kojiki. Quindi, la “Favola in Musica” di Claudio Monteverdi, viene integrata con il teatro in musica del Sol Levante . Include un nuovo finale “tragico” creato apposta per Japan Orfeo. Il barocco italiano viene coniugato con forze artistiche giapponesi in una nuova rilettura dell’Orfeo di Monteverdi, capolavoro dell’arte italiana, considerato il primo esempio operistico della storia della musica La casa di moda Missoni, nella figura di Luca e Angela Missoni, ha accettato di collaborare alla realizzazione dei costumi di Japan Orfeo.

L’eccellenza della Maison Missoni costituisce un elemento di forza nel progetto: la moda, oggi strumento pop e insieme culturale di aggregazione collettiva, può davvero contribuire in modo serio e costruttivo all’Opera e alla sua diffusione, un mondo illustre e di grande cultura, e farsi veicolo insieme culturale artistico e sociale per esaltare un genere che appartiene fortemente all’identità culturale dell’Italia. Ossia dell’esportar cantando’ di cui abbiamo parlato più volte su questa testata.
IMG_0408All’incontro e alla condivisione di linguaggi affatto diversi farà parte l’invenzione del compositore e artista del suono Piero Pirelli, “l’Arpa di luce” che ha trionfato alla Biennale di Venezia e al Macro di Roma, la compagnia di teatro NÔ HOSHO Foundation che ha accolto straordinario consenso all’EXPO 2016, la compagnia di Nihon Buyo del ballerino e coreografo Fujima Kanjuro VIII, e artisti di musica Gagaku. Un elemento di forte impatto emotivo e artistico è costituito dalla presenza di danzatori di “pizzica salentina”, una delle espressioni coreografiche più autentiche della cultura popolare italiana.

fonte: http://www.ilsussidiario.net[:]