Laser Wave Pendulum a Cremona

Sabato sera 10 giugno a Cremona, nell’ambito del Festival Tec-Night,
le 11 corde dell’arpa di luce saranno tese fra gli archi della Loggia dei Militi, ai piedi della statua dei Due Ercoli.
I raggi di luce suoneranno azionati da un grande wave pendulum appositamente creato per l’occasione e costituito da 11 pendoli allineati che una volta azionati, disegnano una figura a serpentina che arpeggia fra le corde di luce.
Laser Wave Pendulum ha debuttato al Piccolo Teatro di Milano, con Alan Turing, a stage case history, è stato anche installato nell’ambito del Festival DigitaLife, Roma Europa, e ha inaugurato il Ravenna Festival sui Ponti di Comacchio.
Aziono simultaneamente una linea di pendoli di lunghezza a scalare e ottengo un divenire di relazioni oscillatorie che non smette mai di incantarmi. E’ una musica silenziosa che vaga dall’ordine prevedibile di un moto a serpentina ad una complessa combinatoria, quasi caos, per tornare per pochi istanti a figure nuovamente comprensibili. 
Voglio vedere ciascun pendolo come un individuo parte di un flusso corale. In questo tunnel ci si può avventurare. Purché si sappia quando entrare…
Maggiori informazioni sull’evento di Cremona:

Arte e decommissioning al JRC di Ispra

Parteciperò con alcune mie opere a settembre al progetto “Gli Spazi Dell’arte” al JRC di Ispra, che viene presentato venerdì 9 giugno in conferenza stampa.

In linea con la propria politica di trasparenza e nel contesto delle attività di informazione alle comunità locali, il Joint Research Centre (JRC) della Commissione Europea intende presentare il programma volto a smantellare le istallazioni nucleari e gestire i rifiuti radioattivi.
A questo scopo, il JRC organizza dal 29 settembre al 15 ottobre 2017 un evento artistico-scientifico come connubio fra scienza, tecnologia e arte contemporanea.
Nell’arco di due settimane saranno esposte una cinquantina di opere in un percorso artistico associato ad esibizioni, all’interno dell’istallazione realizzata per essere il deposito temporaneo (Interim Storage Facility – ISF) dei rifiuti radioattivi prima del loro allontanamento definitivo dal sito di Ispra.

Venerdì 9 giugno 2017 – ore 11.15 – 12.15
Conferenza stampa
Intevengono:
Maria BETTI, Direttore Nuclear Safety and Security, JRC.
Paolo PEERANI, Capo Unità Disattivazione Nucleare, JRC.
Antonio BANDIRALI, Comitato Culturale, JRC
Sandro PARMIGGIANI, Curatore artistico dell’evento
Pietro PIRELLI, Compositore, percussionista, artista del suono e della luce
Luca MISSONI, Creativo
Marcello MORANDINI, Architetto, scultore e designer
Modera: Riccardo CASALE, Consigliere per la Disattivazione Nucleare, JRC\

Suonare il suono a Vicenza e Milano

“Suonare il Suono” è un progetto nato per per ricordare, a un anno dalla scomparsa, uno scultore tra i più notevoli del secondo novecento, il cui lavoro artistico ha avuto proprio nel suono e nella musica una componente essenziale. Le pietre di Sciola vanno alla radice del suono, dell’immagine e ci fanno scoprire la musicalità della pietra, non solo percossa, ma anche accarezzata, sfiorata, suonata con le mani o l’archetto e, a seconda delle qualità e delle dimensioni dei materiali scelti dall’autore, produttrice di suoni di natura diversa.

Dopo l’esordio al teatro civico di Narni, di cui è possibile gustare un assaggio in questo video, si profilano due nuovi interessanti appuntamenti  assieme a Enrico Intra e Gavino Murgia.

  • venerdì 19 maggio alle 23:30 al Cimitero Maggiore di Vicenza, evento speciale del festival Vicenza Jazz, le pietre sonanti di Sciola verranno portate nella suggestiva cornice notturna del cimitero berico per essere affidate alle mani di Pietro Pirelli, che da anni ne esplora le magiche proprietà acustiche. Al suo fianco, Enrico Intra e Gavino Murgia costruiranno le loro improvvisazioni attorno al sound delle pietre.
  • giovedì 25 maggio 2017 alle 21:00 nell’Aula Magna dell’Università Bocconi, in Via Gobbi 5 a Milano la performance si aprirà con la proiezione del film “Born of Stone” di Emilio Bellu; premiato come “miglior corto documentario” al Berlin Short Film Festival del 2016, Born of Stone è stato proiettato in prima assoluta a Cagliari nel marzo 2016, quindi al Tavolara Film Festival, al Raindance Film Festival di Londra e avrà a breve una prima americana all’Hot Spring Festival, in Arkansas.

La faccia della voce

Un Idrofono per il Teatro Franco Parenti, Milano, a partire dalla sera di mercoledì 17 maggio
Sperimentazione dell’installazione “Faccia della voce” di Pietro Pirelli. Studio di Varese, maggio 2017
Mi riconoscono guardando il volto o ascoltando il suono della mia parola. 
Quando canto nell’Idrofono l’acqua rivela la faccia della mia voce.
 
Nella Palazzina in ristrutturazione dei Bagni Misteriosi, accanto alla piscina del Teatro Franco Parenti, partecipo assieme ad un folto gruppo di performer al progetto visita in un luogo ai confini fra realtà e finzione, una piccola follia di Andrée Ruth Shammah 

Suonare il suono

Con Enrico Intra

Suonare il suono è il titolo voluto dal maestro Enrico Intra per una serie di concerti che il trio Intra-Murgia-Pirelli dedica alla memoria dello scultore e amico Pinuccio Sciola, e alle sue straordinarie Pietre Sonore.

 

Con Pinuccio Sciola

Il 22 aprile, alle ore 21.30, sul palco del teatro comunale Manini di Narni porto alcune di quelle sue opere sulle quali sto compiendo da anni una profonda esplorazione musicale . In questa occasione il loro magico suono s’incontrerà con ance e voce di Gavino Murgia, e le corde di Enrico Intra. Il 23 aprile riproporremo le nostre improvvisazioni al Caffè Bugatti di Terni.

Se il pubblico qui non mi scaglierà troppe pietre, se sopravviverò, ci vedremo nuovamente con questo progetto all’università Bocconi a Milano il 25 maggio e poi ancora sicuramente in altri luoghi, di cui vi riferirò.

Museo del Novecento

Il 4 aprile, alle ore 17.30, nella sala conferenze del Museo del Novecento a Milano, via Marconi 1, in occasione della presentazione del libro “Light Art in Italy – Temporary Installations 2015-2016” a cura di Gisella Gellini, ci sarò a presentare la mia opera “Idrodendro/Fonodendro”, una grande installazione di Idrofoni che ho realizzato per DigitaLife 2015, invitato per il secondo anno consecutivo da RomaEuropa al Macro Testaccio, dopo il successo di “Arpa di Luce”.

This slideshow requires JavaScript.

Con la collaborazione dell’architetto musicista Lorenzo Serafin, ho realizzato questa grande installazione interattiva di Idrofoni: un albero alto 10 metri che risuona con la vibrazione generata dalla metamorfosi di una grande sega circolare. Le riverberazioni di luce generate dalla ruota dentata/gong si sono manifestate in nuvole di suono, sospese sui rami  dell’Idrodendro. L’installazione è rimasta attiva per oltre un mese.

Il libro Light Art in Italy, edito da Maggioli, nelle edizioni precedenti ha pubblicato Arpa di Luce e altre mie installazioni di luce e suono.

http://luceweb.eu/it/libro-gisella-gellini/

“Volevo catturare la luce” ritratto di Marinella Pirelli su Art e Dossier

La copertina del n.431 di Art e Dossier – Marzo 2017

“Fra cento anni, in quello che sarà Internet, alla voce Pirelli potremo leggere: Meteora Doppio Tramonto, Meteora Doppio Arcobaleno, Pulsar. Lavori di luce dell’artista Marinella Pirelli(1925-2009). Ci saranno anche le altre voci con gli altri illustri membri della famiglia, ma Meteora e Pulsar verranno prima di cinturato, pneumatico radiale degli anni cinquanta del XX secolo.”

(Jean Blanchaert)

L’energia luminosa che emana dai suoi lavori è al centro del breve e intenso ritratto che Jean Blanchaert le ha voluto dedicare, non mancando di fare riferimento all’Archivio Marinella Pirelli, curato da  Vittoria Broggini e Lucia Aspesi, che hanno catalogato più di milleduecento lavori fra pittorici filmici e installativi.

This slideshow requires JavaScript.